Il carnevale di Varzi è storicamente quello più trasgressivo dell’Oltrepò Pavese. Esiste tutta una letteratura di racconti scritti (ma anche orali) della baldoria, dell’irriverenza, della sregolatezza e smodatezza, messe in scena da morigerate fanciulle, al riparo di un travestimento che le rendeva irriconoscibili.

A mascherarsi erano le donne, e anche in questo, sta l’originalità: tra le regole non scritte che, per qualche giorno venivano sovvertite, le ragazze cambiavano ruolo, non aspettavano di essere invitate a ballare ma prendevano l’iniziativa. Pure quest’anno, benché siano cambiati gli attori, le esigenze e il modo di porsi, per mantenere fede alla propria vocazione goliardica, il paese si concede più giorni di messinscena carnascialesca.

Si inizia domenica 11 febbraio quando, dalle 14, per le strade del borgo sfileranno i carri allegorici nell’allegro contesto di gruppi mascherati, stand gastronomici, giochi per bambini e, sotto il tendone in Piazza della Fiera, con il brio del deejay, sarà possibile trascorrere la serata.

Lunedì 12 febbraio, il Gran Carnevale in maschera animato da DJ Frederick Magha & Vocalist Paolino da Radio 105. Sabato 17 febbraio si conclude con la tradizionale Pentolaccia e, dalle 20, cena con musica.

Informazioni: lazzatithomas@libero.it3450465762 – 3341703454