Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Mercoledì 21 aprile “Buon compleanno alla Schita dell’Oltrepò Pavese versione Social!” Evento social con la partecipazione di Paolo Massobrio

21 Aprile-4:00 pm - 11:00 pm

Mercoledì 21 aprile, con un evento social, sarà “Buon compleanno alla Schita dell’Oltrepò Pavese versione Social!” Il gruppo Facebook della Schita dell’Oltrepò Pavese festeggerà il suo primo anno di vita coinvolgendo iscritti e testimonial e, in concomitanza con l’anniversario, si parlerà della comunicazione della Schita dell’Oltrepò Pavese anche all’Università di Pavia.

L’appuntamento clou è per la sera: alle 21.00 sulla pagina Facebook @narrandoltrepo di Roberta Tavernati, a celebrare la Schita dell’Oltrepò Pavese saranno Paolo Massobrio, giornalista enogastronomico e Presidente di Club di Papillon, Roberta Tavernati e Cinzia Montagna, la giornalista che un anno fa ha fondato il gruppo Facebook dedicato alla più antica ricetta del territorio e che ora conta circa 3000 iscritti. E nel gruppo Facebook della Schita dell’Oltrepò Pavese ci sarà anche un video registrato dove Cinzia Montagna parlerà della festeggiata con Patrizio Roversi, giornalista e conduttore televisivo che con “Turisti per caso” e “Italia Slow Tour” racconta luoghi, agricolture e agriculture, territori e viaggi. All’Università di Pavia, invece, la Schita dell’Oltrepò Pavese sarà dalle 16.00 alle 17.00 per una lezione virtuale rivolta agli studenti del Corso di “Marketing” tenuto dalla Professoressa Antonella Zucchella nel Corso di Laurea Triennale in “Management” del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università degli Studi di Pavia. Tutor dell’incontro sono Beatrice Re, dottoranda in “Economia e Management”, e Rosario Marrazzo, studente magistrale di “International Business and Economics (MIBE)”.

A parlare agli studenti del “fenomeno Schita dell’Oltrepò Pavese” sarà Cinzia Montagna. La lezione sarà, però, soltanto l’inizio di un’attività che svolgeranno gli studenti per formulare la pianificazione dello storytelling nazionale della Schita dell’Oltrepò Pavese. Ma cos’ha fatto la Schita dell’Oltrepò Pavese in un anno di vita? Tutte le informazioni si trovano nel sito www.laschitadelloltrepopavese.it realizzato graficamente da Patrizio Chiesa e in rete dalla scorso dicembre, ma ripercorriamo i momenti più importanti. A partire dalla realizzazione del logo, opera di Diego Boiocchi, in arte Moho. E poi i gadget, ideati e confezionati da Gic Moda di Portalbera, vari eventi nel periodo estivo, fra cui il gemellaggio con il Chisulin dell’Oltrepò Mantovano a Quistello e il gemellaggio con la Schiciola del Monferrato a Montiglio Monferrato durante l’edizione 2020 di “Golosaria tra i castelli del Monferrato”. E tanta, tanta comunicazione, con una rassegna stampa in costante crescita (l’elenco delle pubblicazioni è visibile sul sito www.laschitadelloltrepopavese.it) e testimone dell’interesse suscitato a livello locale e nazionale, compresa l’Ansa  e compresa la Televisione Nazionale Cinese.

La Schita dell’Oltrepò Pavese ha anche dato una prima seguitissima dimostrazione della sua grande forza di abbinamento ai prodotti del territorio nelle quattro serate di diretta con le Aziende del vino dell’Oltrepò Pavese, appuntamenti organizzati fra febbraio e marzo in collaborazione con @narrandoltrepo. Verrebbe da dire che dopo millenni sottotraccia, la Schita dell’Oltrepò Pavese è finalmente conosciuta sempre più in tutto il mondo e l’Oltrepò Pavese con lei, la piccola focaccetta che evoca amicizia, famiglia e condivisione, “povera” nei suoi semplici ingredienti di farina, acqua, un pizzico di sale, strutto o olio per la doratura, ma che si è rivelata un formidabile racconto d’identità di territorio. Auguri, piccola grande Schita dell’Oltrepò Pavese!